mercoledì 29 gennaio 2020

La Sbrisolona

Questo è un dolce storico della pasticceria di Mantova, città di origine della mia famiglia.
La Sbrisolona è un dolce legato alle estati della mia infanzia trascorse nella pianura padana.
Ricostruire una “emozione” non è cosa semplice e la sperimentazione alla base di questa ricetta è servita in tal senso: nel riappropriarmi di un ricordo e condividere con voi il gusto genuino e rustico di questo dolce.
Storicamente era un composto di farina di grano, farina di mais e zucchero in parti uguali impastati con strutto e nocciole, col tempo si è ingentilita e ha sostituito le nocciole con le mandorle.
Tocco finale: la spolverata di zucchero da fare RIGOROSAMENTE a torta calda, appena sfornata.
Se vi ho incuriosito provatela e fatemi sapere.
Ecco a voi la ricetta:




La Sbrisolona

125 g di farina 00
100 g di zucchero semolato
95 g di mandorle pelate
75 g di farina di mais fine (tipo Fioretto)
50 g di burro
50 g di strutto
20 gr di tuorlo
5 gr di armelline (mandorle amare)
i semi di mezza bacca di vaniglia
la buccia grattugiata di mezzo limone non trattato

6 mandorle grezze
zucchero semolato

Tritare finemente le mandorle pelate insieme alle armelline utilizzando un cutter.
Tagliare a cubetti il burro.
Versare le farine nella ciotola della planetaria munita di foglia, unire le mandorle tritate, lo zucchero e far girare al minimo per amalgamare.
Aggiungere il tuorlo, la buccia grattugiata del limone, i semi della bacca di vaniglia, il burro e lo strutto e continuare ad impastare a bassa velocità fino a che si creano delle briciole di impasto.
Versare le briciole in un contenitore, chiuderlo con coperchio e mettere a riposare in frigorifero per tutta una notte (o almeno 8 ore).
Passato il tempo di riposo, imburrare una tortiera da 20 cm di diametro, versarvi le briciole e  distribuirle uniformemente creando una altezza uniforme di almeno 2 cm.
Decorare con le mandorle grezze e infornare a 180° per circa 30 minuti o fino ad ottenere una superficie color nocciola.
Appena sfornata cospargere di zucchero semolato.
Far freddare completamente prima di consumarla.



Nessun commento:

Posta un commento