lunedì 20 febbraio 2012

Cupcakes alla Carota

Dopo un brusco stop dovuto a motivi familiari ricomincio a occuparmi del Blog.
Riprendo così la pubblicazione dei post dedicati ai cupcakes, queste piccole "torte in tazza" che piano piano sembrano appassionare i più. Personalmente mi incuriosisce, ogni tanto, vedere gli accostamenti di gusti che azzardano i partecipanti della trasmissione TV americana "La guerra delle Torte" (che in realtà dovrebbe essere chiamata "La guerra dei CupCakes" in quanto in originale si chiama "Cupcakes War"). 


Per i Cupcakes alla Carota

200 gr di burro morbido
200 gr di zucchero semolato extrafine
250 gr di carote grattugiate
100 gr di farina di nocciole
100 gr di farina di mandorle
100 gr di albume
85 gr di farina 00
75 gr di tuorli
1 bacca di vaniglia
la buccia grattugiata di un limone
1/4 di cucchiaino di lievito per dolci

In una terrina (o nella planetaria) montare il burro con 150 gr di zucchero, i semi della bacca di vaniglia e la buccia grattugiata del limone.
Unire i tuorli leggermente sbattuti e le carote grattugiate che avrete fatto asciugare in forno per almeno l ora a 100°C. Unire al composto le tre farine setacciate con il lievito.

Montare l'albume con i restanti 50 gr di zucchero e aggiungerli all'impasto con movimenti dall'alto verso il basso.
Dividere l'impasto nella teglia da muffin con le cavità rivestite dai pirottini di carta, avendo cura di non riempire oltre i 2/3 del pirottino, e cuocere in forno a 170°C per 30 minuti circa (vale sempre la regola dello stecchino).
Lasciare raffreddare su una griglia.

Per la Glassa al formaggio

330 gr di Burro a temperatura ambiente
600 gr di Formaggio spalmabile
400 gr di Zucchero a velo

Questa è la glassa della Red Velvet Cake che secondo me si sposa benissimo anche con questi cupcakes.
Amalgamare con una spatola il burro morbido con il formaggio spalmabile, aggiungere lo zucchero a velo e mescolare fino a renderlo morbido. Farla riposare in frigorifero prima di usarla.
Ricoprire i Cupcakes mettendo la glassa in una sacca poche munita della bocchetta preferita.

Nessun commento:

Posta un commento